Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_riga

Quadro macroeconomico

 

Quadro macroeconomico

Intero anno 2016

I dati relativi al PIL di questo Paese nel 2016 (25 miliardi di euro), appena diffusi da questo Istituto Nazionale di Statistica e Eurostat, dimostrano una crescita del 2% (grazie ai miglioramenti nel quarto trimestre 2016), in leggero calo rispetto i risultati del 2015.

  • PIL. Secondo i dati relativi al PIL di questo Paese per il 2016 (25 miliardi di euro a prezzi correnti), appena diffusi da questo Istituto Nazionale di Statistica e Eurostat, la crescita è stata del 2%. Si tratta di un leggero calo rispetto l’anno precedente ed un ritorno al livello del 2014, quando lo sviluppo avviato era stato interrotto dalla crisi ucraina ed in particolare dalle conseguenti sanzioni e ritorsioni della Russia. Il risultato finale del 2016 è stato comunque più soddisfacente di quanto previsto grazie alla crescita del Paese nel quarto trimestre. Tale ripresa lascia sperare migliori risultati anche nel 2017. Nel 2016 la crescita è stata assicurata, come in passato, soprattutto dall’incremento dei consumi delle famiglie, reso possibile sia dall’aumento degli stipendi, sia dalla flessibilità dimostrata dagli esportatori lettoni nel riorientarsi verso altri mercati dopo la perdita dell’importante partner russo (terzo per le esportazioni). La situazione economica generale accusa tuttavia rallentamenti a causa di incertezze e rischi esterni nel mondo e nell’UE, limitati investimenti e ancor debole ripresa dei principali Partner esteri.
  • PRODUZIONE INDUSTRIALE. Nonostante la congiuntura negativa internazionale, il volume della produzione industriale, è cresciuta del 6% (a prezzi costanti, dati non destagionalizzati di questo Istituto Nazionale di Statistica), grazie alla produzione di legno e dei suoi prodotti derivati (+8%), di computer e prodotti elettronici e ottici (+16%) e di prodotti metallurgici (+9%). In calo, invece, la produzione agricola (-3%).
  • COMMERCIO ESTERO. Secondo i dati provvisori qui diffusi da questo Istituto Nazionale di Statistica (INS), il volume totale del commercio internazionale della Lettonia è ammontato a 22,612 miliardi di euro (-1,1% inferiore rispetto all’anno precedente), di cui le esportazioni di beni rappresentano 10,333 miliardi di euro (-0,3%) e le importazioni 12,279 miliardi di euro (-1,7%), con un saldo della bilancia commerciale ancora negativo (-1,947 miliardi di euro) pur se leggermente migliore di quello del 2015.
  • COMMERCIO BILATERALE. Sempre secondo questo INS, l’interscambio della Lettonia con l’Italia è ammontato nel 2016 a 529 milioni di euro (-1,7% rispetto all’anno precedente): le esportazioni italiane in Lettonia rappresentano 384 milioni di euro (-3,4%) e le importazioni dalla Lettonia 145 milioni di euro (+2,8%). Si tratta di un saldo ancora assai favorevole per il nostro Paese pari a 239 milioni di euro.
    Nel 2016 l’Italia è salita rispetto l’anno precedente dal decimo al nono posto fra i Paesi fornitori della Lettonia e dal diciassettesimo al quindicesimo fra gli importatori.
  • COMMERCIO AL DETTAGLIO. Secondo l’INS esso è aumentato del 1,9% rispetto al 2015 (quello dei prodotti non alimentari è cresciuto del 3,7%, mentre quello dei prodotti alimentari è calato dell’1%).
  • BILANCIO. Stando alla Tesoreria di Stato, il bilancio consolidato del Governo lettone (General Government Consolidated Budget) ha registrato nel 2016 entrate nette pari a 9,070 miliardi di euro (+2,8% rispetto al 2015) e spese pari a 9,172 miliardi di euro (-0,3%) lasciando un disavanzo di -102 milioni di euro.
  • DEBITO PUBBLICO. Secondo i dati della Tesoreria di Stato, il totale del debito pubblico della Lettonia nel 2016 (Central Government Debt Outstanding, nominal value) è ammontato a 9,702 miliardi di euro (pari al 38,7% del PIL), dui cui 1,404 miliardi di euro di debito interno (14%) e 8,298 miliardi di euro di debito esterno (86%).
  • INFLAZIONE. Secondo l’INS e l’Eurostat, l’inflazione è stata dello 0,1% nel 2016.
  • DISOCCUPAZIONE. Secondo l’INS e l’Eurostat, il tasso di disoccupazione è diminuito al 9,6 nel 2016 (rispetto il 9,9% nel 2015).
  • SALARIO MEDIO MENSILE. Secondo questo INS, nel 2016 il salario lordo mensile in media ammontava a 859 euro (+5% rispetto all’anno precedente), ossia a 631 euro al netto delle imposte (+4,6%). In particolare, nel settore pubblico il salario lordo mensile ammontava a 886 euro al lordo (+3,6%), ovvero 640 euro al netto (+3,2%) mentre nel settore privato ammontava a 845 euro al lordo (+5,8%), ovvero 627 euro al netto (+5,6%).
  • PENSIONE MEDIA MENSILE. Secondo l’Agenzia statale di Previdenza Sociale, il livello medio mensile delle pensioni di vecchiaia ammontava a fine 2016 a 301,34 euro (un incremento del 2,9% rispetto alla fine del 2015).
  • INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI. Con un totale di 13,521 miliardi di euro a fine 2016 gli IDE, come reso noto dalla Banca di Lettonia, hanno registrato una diminuzione del 0,2% rispetto a fine 2015 (soprattutto a causa della decisione della filiale lettone della banca svedese Swedbank di diminuire il proprio capitale sociale di 368 milioni di euro con lo scopo di ottimizzare la struttura del capitale dell’intero Gruppo Swedbank). 9,951 miliardi di euro di IDE erano provenienti da Stati Membri dell’UE (-1,3%) mentre 3,570 miliardi di euro provenivano da Paesi extra-UE (+3%).
  • Gli INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI ITALIANI in Lettonia ammontavano a fine 2016 a 60,71 milioni di euro, e sono quindi cresciuti del 95% rispetto alla fine del 2015.
  • RISERVE. Le riserve nette internazionali della Banca di Lettonia (come reso noto dalla stessa Banca) ammontavano a fine dicembre 2016 a 5,824 miliardi di euro.

 

Intero anno 2015

ANDAMENTO DELL'ECONOMIA LETTONE E INTERSCAMBI CON L'ITALIA

I dati relativi al PIL di questo Paese nel 2015 (24,4 miliardi di euro), diffusi da questo Istituto Nazionale di Statistica, hanno riconfermato la Lettonia ai primi posti fra i Paesi dell’Unione Europea per tasso di crescita (+2,7%) per il quinto anno consecutivo. Vi sono tuttavia segni di un rallentamento con ripercussioni sull’andamento del commercio con l’estero (-0,1%). Le importazioni lettoni si sono leggermente contratte (-1%), mentre le esportazioni sono cresciute del 1,4%.

  • PIL. I dati relativi al PIL di questo Paese per il 2015 (24,4 miliardi di euro a prezzi correnti), diffusi da questo Istituto Nazionale di Statistica, hanno riconfermato la Lettonia - per il quinto anno di seguito - ai primi posti fra i Paesi dell’Unione Europea per tasso di crescita (+2,7%, rispetto al 2014), nonostante i negativi sviluppi politico-economici internazionali. Rispetto allo scorso anno, la crescita ha registrato un leggero aumento, nonostante la situazione economica generale abbia accusato rallentamenti a causa di incertezze e rischi esterni (tra cui la debolezza del mercato russo - terzo mercato per le esportazioni lettoni) e dell’ancor debole ripresa dei Partner europei. Anche nel 2015 la crescita è stata assicurata, soprattutto dall’incremento dei consumi delle famiglie, reso possibile sia dall’aumento degli stipendi, sia dalla flessibilità dimostrata dagli esportatori lettoni nell’optare per altri mercati.
  • PRODUZIONE INDUSTRIALE. Nel 2015 il volume della produzione industriale - nonostante gli sfavorevoli sviluppi internazionali - è cresciuta del 4% (a prezzi costanti, dati non destagionalizzati), grazie alla produzione di legno e dei suoi prodotti derivati (+7%), di computer, di prodotti elettronici e ottici (+40%), di mobili (+14%). In calo, invece, i prodotti alimentari (-5%) e quelli metallurgici (-4%).
  • COMMERCIO ESTERO. Secondo i dati provvisori qui diffusi (rilasciati da questo Istituto Nazionale di Statistica per tutto il 2015), il volume totale del commercio internazionale della Lettonia è ammontato a 22,920 miliardi di euro a prezzi correnti (-0,1% inferiore rispetto all’anno precedente), di cui le esportazioni rappresentano 10,390 miliardi di euro (+1,4%) e le importazioni 12,530 miliardi di euro (-1%), con un saldo della bilancia commerciale ancora negativo (-2,140 miliardi di euro) pur se di poco migliore di quello del 2014.
  • COMMERCIO BILATERALE. Sempre secondo i dati di questo Istituto Nazionale di Statistica, l’interscambio della Lettonia con l’Italia è ammontato nel 2015 a 553 milioni di euro (-8,4% rispetto all’anno precedente), di cui le esportazioni italiane in Lettonia rappresentano per 406 milioni di euro (-11,3%) e le importazioni dalla Lettonia 147 milioni di euro (+0,7%), con un saldo ancora assai favorevole per il nostro Paese di 259 milioni di euro (-8,4%). Nel 2015 l’Italia è scesa dall’ottavo al decimo posto fra i Paesi fornitori della Lettonia e dal quindicesimo al diciassettesimo fra gli importatori rispetto l’anno precedente.
  • COMMERCIO AL DETTAGLIO. È aumentato del 5% rispetto al 2014 e comprende il commercio al dettaglio del carburante per automobili dell’8%, i prodotti alimentari del 3% e i prodotti non-alimentari del 7%.
  • BILANCIO. Nel 2015, secondo i dati (metodologia ESA 2010), il bilancio consolidato del Governo lettone - reso noto da questo Istituto Nazionale della Statistica - ha registrato entrate pari a 8,758 miliardi di euro (+3,4% rispetto al 2014) e spese pari a 9,064 miliardi di euro (+2,6%) lasciando un disavanzo di 306 milioni di euro (pari al -1,3% del PIL).
  • DEBITO PUBBLICO. Secondo i dati di questo Istituto Nazionale della Statistica e della Tesoreria di Stato, il totale del debito pubblico della Lettonia nel 2015 (General Government Debt) è sceso a 8,871 miliardi di euro (pari al 36,4% del PIL) diminuendo di 745 milioni di euro (-7,7%) rispetto al 2014.
  • INFLAZIONE. Secondo Eurostat l’inflazione è stata dello 0,2% nel 2015.
  • DISOCCUPAZIONE. Sia secondo Eurostat che secondo l’Istituto Nazionale di Statistica, il tasso di disoccupazione è ulteriormente diminuito al 9,9% nel 2015.
  • SALARIO MEDIO MENSILE. Secondo questo Istituto Nazionale di Statistica, nel 2015 il salario lordo mensile in media ammontava a 818 euro (+6,9% rispetto all’anno precedente), ossia a 603 euro al netto delle imposte (+7,7%). In particolare nel settore pubblico il salario lordo mensile ammontava a 855 euro al lordo (+5,2%) ovvero 620 euro al netto (+6%) mentre nel settore privato ammontava a 799 euro al lordo (+7,8%) ovvero 594 euro al netto (+8,4%).
  • PENSIONE MEDIA MENSILE. Secondo l’Agenzia statale di Previdenza Sociale, il livello medio mensile delle pensioni di vecchiaia ammontava a fine 2015 a 292,76 euro (un incremento del 2,3% rispetto alla fine del 2014).
  • INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI. Con un totale di 13,364 miliardi di euro a fine 2015 gli IDE hanno registrato un aumento del 10,6% rispetto a fine 2014. 8,890 miliardi di euro di essi erano provenienti dall’UE (+9%) e 4,374 miliardi di euro provenivano da Paesi extra-UE (+14%).
  • Gli INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI ITALIANI in Lettonia sono ammontati a fine 2015 a soli 23,99 milioni di euro, e sono quindi cresciuti del 20,7% rispetto alla fine del 2014.
  • RISERVE. Le riserve nette della Banca di Lettonia (come reso noto dalla stessa Banca) sono ammontate a fine 2015 a 5,130 miliardi di euro.

 

Primo semestre 2015

ANDAMENTO DELL'ECONOMIA LETTONE E INTERSCAMBI CON L'ITALIA 

I dati relativi al PIL di questo Paese alla fine del primo semestre 2015, diffusi da questo Istituto Nazionale di Statistica e da Eurostat, denotano il permanere in Lettonia di un tasso di crescita soddisfacente (+2,4%), nonostante criticità e riflessi internazionali negativi. Buona ripresa della produzione industriale (+3,7%) malgrado il calo dell’industria alimentare (-6%) e netto incremento del commercio al dettaglio (+6,2%). Buoni i dati finanziari e tasso di disoccupazione a una cifra per la prima volta dal 2008.

  • PIL. I dati relativi al PIL di questo Paese alla fine del primo semestre 2015 (12,3 miliardi di euro a prezzi correnti), denotano una crescita media del +2,4% rispetto allo stesso periodo del 2014, dovuta soprattutto all’alto tasso di crescita del secondo trimestre nonostante sviluppi politici ed economici internazionali negativi. La crescita, rallentata dalla debolezza del mercato russo (terzo mercato per le esportazioni lettoni, non solo di prodotti alimentari) e dalla debole crescita dei Partner europei, è stata infatti spinta, come già da diversi anni, dall’aumento dei consumi privati, reso possibile dall’ulteriore ripresa dell’occupazione e dall’aumento degli stipendi, oltre che dal forte incremento nel secondo trimestre del settore manifatturiero (ripresa delle attività della fabbrica “KVV Liepajas Metalurgs” di recente riaperta da investitori ucraini).
  • PRODUZIONE INDUSTRIALE. La produzione industriale, è riuscita a crescere del +3,7% a prezzi costanti rispetto al primo semestre dello scorso anno, grazie a incrementi, oltre che nel citato comparto metallurgico, dei settori dei computer, prodotti elettronici e ottici (+57,4%), dei mobili (+14%), minerario (+11,3%), della lavorazione del legno (+6,6%) e manifatturiero (+5,3%), a fronte di un calo nei settori dell’abbigliamento (-17,6%), del tessile (-15,1%), di altri prodotti minerali non metallici (-8,1%), dell’industria alimentare (-6%) e della produzione di elettricità e gas (-4,3%).
  • COMMERCIO ESTERO. Il volume totale del commercio internazionale della Lettonia nel primo semestre è ammontato a 11,1 miliardi di euro (+1,7% rispetto a fine giugno 2014), di cui 5 miliardi di esportazioni (+2,7%) e 6,1 miliardi di importazioni (+0,8%), con un saldo della bilancia commerciale ancora negativo (-1,1 miliardi di euro). CON L’ITALIA. L’interscambio della Lettonia con l’Italia è ammontato a fine giugno a 271 milioni di euro, di cui 198 milioni di nostre esportazioni e 73 milioni di importazioni, con un saldo favorevole al nostro Paese per 125 milioni di euro.
  • COMMERCIO AL DETTAGLIO. Cresciuto del 6,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (prodotti alimentari +2,8%, prodotti non-alimentari +8,6%).
  • BILANCIO. A fine giugno 2015, il bilancio consolidato del Governo lettone ha registrato entrate per 4,586 e spese per 4,369 miliardi di euro. 
  • DEBITO PUBBLICO. A fine giugno 2015 il totale del debito pubblico è ammontato a circa 8,2 miliardi di euro (pari al 33,1% del PIL annuale), di cui 6,6 con l’estero e 1,6 di debito interno, in diminuzione rispetto a fine 2014.
  • INFLAZIONE. In aumento dello 0,6% rispetto a fine giugno 2014.
  • DISOCCUPAZIONE. Il tasso è ulteriormente calato al 9,8%, scendendo quindi al di sotto del dieci per cento per la prima volta dal 2008.
  • SALARIO MEDIO MENSILE. A fine primo semestre 2015 il salario lordo mensile ammontava a 815 euro (+7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), ossia a 600 euro al netto delle imposte (+7,5%). Sempre al netto, 662 euro (+6%) nel settore pubblico e 589 euro (+8,5%) nel settore privato.
  • PENSIONE MEDIA MENSILE. Il livello medio mensile delle pensioni di vecchiaia a fine giugno 2015 ammontava a 287,57.
  • INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI. Il totale degli IDE in Lettonia a fine giugno ammontava a 12,8 miliardi di euro (+8,2% rispetto a fine giugno 2014). CON L’ITALIA. Gli IDE italiani in Lettonia sono cresciuti del +26%, ma restano sempre assai contenuti ammontando alla fine del semestre, a soli 23,1 milioni di euro.
  • RISERVE. Le riserve nette della Banca centrale hanno totalizzato a fine giugno 2015 5,2 miliardi di euro, con un aumento del 17,8% rispetto a fine giugno 2014.

  

Intero anno 2014

ANDAMENTO DELL'ECONOMIA LETTONE E INTERSCAMBI CON L'ITALIA

I dati consolidati relativi al PIL di questo Paese a fine 2014 (24,1 miliardi di euro), hanno riconfermato la Lettonia, per il quarto anno di seguito, ai primi posti fra i Paesi dell’Unione Europea per tasso di crescita (+2,4%), ma con il risultato più basso dal 2011 ad oggi. Tale netto rallentamento si è riflesso soprattutto nei comparti della produzione industriale (-0,9%) e del commercio con l’estero (+0,7%). Continua invece a crescere l’interscambio con l’Italia (+6,9%), in particolare sul versante delle nostre esportazioni (+4,3%).

  • PIL. I dati consolidati relativi al PIL di questo Paese alla fine del 2014 (24,1 miliardi di euro a prezzi correnti), hanno riconfermato la Lettonia, per il quarto anno di seguito, ai primi posti fra i Paesi dell’Unione Europea per tasso di crescita (+2,4%, a prezzi costanti, rispetto a fine 2013), nonostante i critici sviluppi politico-economici internazionali. Sempre rispetto allo scorso anno, la crescita ha tuttavia, come nel primo semestre, registrato un deciso rallentamento, fermandosi al tasso più basso del periodo dopo-crisi, a causa non tanto delle misure di ritorsione di Mosca alle sanzioni UE, quanto della debolezza dello stesso mercato russo (terzo mercato per le esportazioni lettoni, non solo di prodotti alimentari) e all’ancor debole crescita dei Partner europei. Anche nel 2014 la crescita è stata assicurata soprattutto dall’incremento dei consumi privati (+2%), reso possibile a sua volta dal sostenuto aumento degli stipendi, ma anche dalla flessibilità dimostrata dagli esportatori lettoni nel riorientarsi verso altri mercati. 
  • PRODUZIONE INDUSTRIALE. A fine 2014 il volume della produzione industriale a prezzi costanti, pur denotando una ripresa rispetto al primo semestre, ha tuttavia registrato ancora un tasso negativo (-0,9%), dovuto soprattutto alla forte contrazione della produzione di elettricità e gas (-6,6%) e al calo dell’industria manifatturiera (-0,1%), controbilanciati solo in parte dalla crescita del settore minerario (+3,2%). Tra i settori manifatturieri più colpiti soprattutto quello della lavorazione dei metalli di base (-49,3%, dopo il già drammatico crollo del 55,8% a fine 2013), ma anche quelli della riparazione e installazione di macchinari e attrezzature (-25%), dell’abbigliamento (-16,6%), delle bevande (-10,2%) e del tessile (-8,1%). In forte crescita, invece, i prodotti informatici, elettronici e ottici (+61,2%) e quelli chimici (+11,5%). Buoni anche i risultati nei comparti del mobile (+9,8%), della lavorazione del legno (+7,1%), dei prodotti elettrici (+5%), dei prodotti in metallo elaborati (+2,4%) e di quelli alimentari (+1,8%). 
  • COMMERCIO ESTERO. Il volume totale del commercio internazionale della Lettonia è ammontato a 22,831 miliardi di euro (+0,7% rispetto all’anno precedente), di cui esportazioni per 10,245 miliardi di euro (+2,1%) e importazioni per 12,586 miliardi di euro (-0,5%), con un saldo della bilancia commerciale ancora negativo (-2,341 miliardi di euro) pur se di poco migliore di quello di fine 2013. CON L’ITALIA. L’interscambio della Lettonia con l’Italia nel 2014 è ammontato a 601 milioni di euro (+6,9% rispetto all’anno precedente), di cui esportazioni italiane in Lettonia per 453 milioni di euro (+4,3%) e importazioni dalla Lettonia per 148 milioni di euro (+15,9%), con un saldo ancora assai favorevole al nostro Paese di 305 milioni di euro (-0,5%). Anche nel 2014 l’Italia è rimasta all’ottavo posto fra i Paesi fornitori della Lettonia (e al quindicesimo fra gli importatori), precedendo partner esportatori quali, nell’ordine, Svezia, Cina, Bielorussia, Francia e Regno Unito. 
  • COMMERCIO AL DETTAGLIO. Aumentato a prezzi costanti (+3,6%) rispetto a fine 2013, con una crescita quasi del tutto simile fra prodotti alimentari (+3,6%) e non-alimentari (+3,7%), a differenza del più forte incremento che i primi avevano invece registrato nell’anno precedente. 
  • BILANCIO. A fine 2014, il bilancio consolidato del Governo lettone, ha registrato entrate per 8,5 miliardi di euro (+2,1% rispetto al 2013) e spese per 8,9 miliardi di euro (+5,2%), con un disavanzo di 400 milioni di euro (pari allo 1,4% del PIL), di cui 313 milioni a carico del bilancio del Governo centrale e 87 a carico degli Enti locali (municipi). 
  • DEBITO PUBBLICO. A fine 2014 il totale del debito pubblico della Lettonia è ammontato a circa 9 miliardi di euro (pari al 37,4 % del PIL), di cui 7,6 con l’estero (+12,1%) e 1,4 di debito interno (+7,4%), aumentando di 919 milioni di euro (+11,3%) rispetto a fine 2013. 
  • INFLAZIONE. In ulteriore, pur lieve, aumento dello 0,7% (percentuale più alta fra i tre Baltici) rispetto all’anno precedente. 
  • DISOCCUPAZIONE. Il tasso di disoccupazione a fine 2014 è diminuito al 10,8%. 
  • SALARIO MEDIO MENSILE. A fine 2014, al netto delle imposte e contributi, è aumentato dell’8,6% rispetto all’anno precedente, attestandosi mediamente su 560 euro (585 euro nel settore pubblico, pari a +7,93%, e 548 euro nel privato, pari a +9,38%). 
  • PENSIONE MEDIA MENSILE. Il livello medio mensile delle pensioni di vecchiaia a fine 2014 ammontava a 286,06 euro, con un incremento del 2,9% rispetto al 2013. 
  • INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI. Con un totale di 12 miliardi di euro a fine 2014 gli IDE hanno registrato un aumento del 3,7% rispetto a fine 2013. CON l’ITALIA. Totale IDE italiani in Lettonia: 19,1 milioni di euro, con un aumento del 4,6% rispetto a fine 2013.
  • RISERVE. Le riserve nette della Banca di Lettonia a fine 2014, come reso noto dalla stessa Banca, sono ammontate a 4,490 miliardi di euro.

 

INDICATORI MACROECONOMICI A CONFRONTO 

 
ITALIA
LETTONIA
  2013 2014 2015 2013 2014 2015
PIL (in mld di euro) 1.606,9 1.613,9 1.636,4 22,8 23,6 24,4
Variazione del PIL reale -1,7% -0,4% 0,8% 4,1% 2,4 2,7%

PIL pro capite (in euro)

26.500 26.500 26.900 11.300 11.800 12.300
Deficit/PIL -2,9% -3.0% -2,6% -0,9% -1.5% -1,3%
Debito pubblico/PIL 128,8% 132,3% 132,7% 39,1% 40,6% 36,4%
Tasso di disoccupazione 12,1% 12,7% 11,9% 11,9% 10,8% 9,9%
Tasso di inflazione 1,3% 0,2% 0,1% 0% 0,7% 0,2%

Fonte: Eurostat


27